Feb 092012
 

c’incontreremo tutta la vita al tavolo d’angolo

sempre carezzandoti la mano destra con la sinistra sopra il tavolo di formica

sempre desiderando la miniera d’oro dei tuoi riccioli

come un minatore stanco

stanco ma imperterrito

stanco ma insistente

stanco come un maratoneta dotato di ritmo

stanco come un maratoneta coi corvi contanti nelle orecchie

nel buio delle foglie scricchiolanti

nel buio delle foglie sempre più marce

conservate fuori dalla scatola dei biscotti.

 

ogni mattina ho un orgasmo davanti allo splendore della tua faccia

ogni mattina accarezzi la mia nuca stanca

bisognosa del tuo balsamo.

 

ogni mattina.

ricordatelo mentre ti fai il bidet.

 

 

traduzione dall’ebraico di Bruno Osimo e Maya Katzir